FAQ

1. Come riconoscere un’infiltrazione d’acqua?

L’infiltrazione d’acqua, su di una struttura controterra, si può presentare come un alone di umidità che non si asciuga mai; oppure, come una velatura d’acqua superficiale; oppure ancora, come dell’acqua che fuoriesce in pressione (più o meno intensamente).

2. Che vantaggi ottengo da un sopralluogo del tecnico WATER BARRIER?

È opportuno che una diagnosi dell’infiltrazione d’acqua sia fatta da un tecnico esperto che, con sistemi più o meno invasivi, possa individuare le cause e valutare l’entità dell’infiltrazione.
Il sopralluogo del tecnico specializzato WATER BARRIER è gratuito e senza impegno in tutta Italia.
Durante il sopralluogo, il tecnico WATER BARRIER analizzerà l’entità dell’infiltrazione mediante un’analisi con termocamera ed igrometro, che non prevedono nessun tipo di demolizione, e presenterà un’ipotesi risolutiva per il Cliente.

3. Perché il sistema WATER BARRIER garantisce un risultato più omogeneo e duraturo?

Il sistema WATER BARRIER è una soluzione brevettata da Uretek che applica la doppia azione risolutiva della resina espandente e del gel saturante; la resina espandente sigilla le cavità più grandi e confina il volume di terreno che, successivamente, viene saturato completamente con le iniezioni di gel saturante.

4. Come risolvere il problema delle infiltrazioni d’acqua su un muro?

Con la soluzione WATER BARRIER si ha il vantaggio unico di poter creare una barriera alle infiltrazioni e, contemporaneamente, allontanare l’acqua da tutta la struttura interrata. Senza opere di demolizione e/o movimento terra.

5. WATER BARRIER è un prodotto che devo acquistare e poi far applicare ad un’impresa?

No, il sistema WATER BARRIER è un intervento Uretek.
Tutti gli interventi Uretek vengono eseguiti da propri dipendenti appositamente specializzati.
Il Cliente non deve preoccuparsi di nulla poiché Uretek garantisce anche un’assistenza post-intervento a tutti suoi Clienti.

6. Perché si consiglia di fare un’analisi con termocamera e con igrometro?

La termocamera ad infrarossi, grazie alla sua sensibilità termica, permette di leggere le differenze di temperatura della superficie ed individuare immediatamente l’estensione dell’infiltrazione d’acqua sulla struttura.
L’analisi con igrometro permette di misurare la quantità di umidità all’interno della muratura/pavimentazione e, perciò, individuare la portata dell’infiltrazione d’acqua.

7. L’intervento WATER BARRIER prevede demolizioni e/o altri lavori edili invasivi?

No, l’intervento WATER BARRIER è totalmente non invasivo.
L’intervento WATER BARRIER prevede fori da 12 mm di diametro, uniformemente distribuiti su tutta la superficie da risanare, eseguiti con perforatori manuali silenziati. Lo stato dei luoghi rimane come in origine.

8. La soluzione WATER BARRIER arresta le venute d’acqua, anche in pressione?

Si, la soluzione WATER BARRIER arresta immediatamente tutte le venute d’acqua, anche quelle in pressione.

9. Perché la soluzione WATER BARRIER preserva la struttura esistente?

La soluzione WATER BARRIER non usa la struttura esistente come barriera alle infiltrazioni ma crea una nuova barriera impermeabile a tergo della struttura stessa.

10. Quanto devo attendere per verificare l’efficacia della soluzione WATER BARRIER?

La verifica dell’efficacia del sistema WATER BARRIER è immediata perché le resine reagiscono in meno di 20 secondi e terminano di indurirsi in pochi minuti.

11. La soluzione WATER BARRIER prevede interventi in più fasi?

No, la soluzione WATER BARRIER è immediatamente risolutiva e non necessita di interventi ripetuti. Queste caratteristiche permettono alla squadra WATER BARRIER di trattare grandi superfici in pochi giorni.

12. L’intervento WATER BARRIER è costoso?

La soluzione WATER BARRIER è economicamente vantaggiosa perché il Cliente non deve affrontare spese per l’allestimento del cantiere, spese di noleggio di mezzi e attrezzature per il movimento terra e spese di demolizione/ricostruzione.
Dopo l’intervento WATER BARRIER il Cliente dovrà solo attendere che la parete si asciughi.

13. Quanto spazio occupa il cantiere?

L’intervento WATER BARRIER non ha bisogno di un area di cantiere, ma semplicemente di un area di sosta per l’automezzo.
La squadra operativa WATER BARRIER arriva sul luogo dell’intervento con il proprio camion-officina completamente attrezzato ed autonomo per eseguire l’intervento. L’automezzo può sostare sino a 85 m dal punto di iniezione.

14. L’intervento è molto invasivo?

No, l’intervento non è assolutamente invasivo.
Son previsti fori da 12 mm, attraverso i quali iniettare la resina, realizzati con perforatori manuali che consentono di operare anche in situazioni dove l’accessibilità alla zona d’intervento è limitata.
La squadra operativa WATER BARRIER è composta da 2-3 persone completamente attrezzate ed autonome per eseguire l’intervento.

15. Quale dimensione hanno i fori?

Il diametro dei fori è di 12 mm.

16. L’intervento WATER BARRIER necessita di scavi e movimenti terra?

No, l’intervento WATER BARRIER non prevede scavi e movimenti terra; quindi, non provoca vibrazioni, polvere e rumori.

17. Sono inquinanti le resine iniettate nel terreno?

No, le resine URETEK hanno caratteristiche conforme alla compatibilità ambientale (ai sensi del D.M. 471/99 e successive modifiche).

18. Uretek opera su tutto il territorio nazionale?

Sì, Uretek opera su tutto il territorio nazionale, inoltre, essendo parte di un gruppo internazionale gli interventi Uretek possono essere eseguiti in tutto il mondo.

19. Si può iniettare la resina anche in presenza della falda freatica?

Si, la resina può essere iniettata un presenza di falda freatica perché l’acqua non modifica le caratteristiche fisiche e meccaniche della resina stessa.

20. Vengono usati diversi tipi di resina?

Si, la soluzione WATER BARRIER prevede l’utilizzo di due tipi di resine: una resina espandente ed un gel saturante. Le due resine hanno caratteristiche meccaniche differenti, entrambe efficaci per il riempimento di tutte le cavità che causavano il passaggio dell’acqua.